L’Italia Emergenti batte l’Uruguay di misura, 26 – 24 il finale

Bucarest (Romania) – Comincia con il piede giusto la World Rugby Nations Cup per l’Italia Emergenti che ha battuto 26-24 l’Uruguay in un match che ha visto testare un nuovo metodo di assegnazione del punteggio: 6 punti per la meta, 2 punti per la trasformazione e per il calcio piazzato.

Partono forte gli Azzurri che al 9’ riescono ad aprire la difesa uruguaiana con una iniziativa di Marinaro che viene ottimamente conclusa in meta da Menon. Completa l’opera Azzolini che porta i suoi sul momentaneo 8-0. L’Italia tiene molto bene il campo e si difende bene dalle offensive degli avversari. Proprio da una fase di attacco dell’Uruguay nasce la seconda meta azzurra con Lucchin che intercetta un passaggio nella propria metà campo e si invola in solitaria verso la linea di fondo uruguaiana con Azzolini che con la seguente trasformazione raddoppia il parziale spostando il punteggio sul 16-0.

Appena rientrati in campo gli Azzurri trovano la terza meta del match con capitan Conforti che, dopo l’uscita temporanea nella prima frazione, sfrutta al meglio una ripartenza orchestrata da Menniti-Ippolito. I sudamericani inseriscono forze fresche e nell’arco di quattro minuti accorciano le distanze prima con il neo entrato Magno che di prepotenza va in meta, poi al 61’ da una iniziativa di Rocco nasce la seconda meta dell’Uruguay con Arata che si invola da solo verso la linea di fondo italiana portando i suoi sul 24-16. Dopo un momento di smarrimento l’Italia riesce a muovere il parziale con un calcio piazzato di Azzolini, ma il XV di Menesess trova la terza meta del match con il neo entrato Freitas che schiaccia l’ovale tra i pali regalando a Martinez una facile trasformazione che vale il 26-24 definitivo.

Al termine del match Andrea Duodo, team manager della Nazionale Italiana Emergenti, ha voluto dedicare la vittoria a Luca Sisti, video analyst scomparso lo scorso anno e che faceva parte dello staff azzurro: “Abbiamo giocato una partita di gran cuore con soli cinque allenamenti insieme nelle gambe, battendo un avversario schierato con la prima squadra e che ha avuto l’opportunità di giocare altri test match prima di oggi. Dedichiamo la vittoria a Luca Sisti che oggi sarebbe stato fiero e orgoglioso di festeggiare questo successo insieme a noi”.

Prossimo impegno per gli Azzurri in programma lunedì 13 giugno alle 16 locali (15 in Italia) contro l’Argentina Jaguars. Diretta streaming su rugbytv.ro.

Bucarest, Stadio “National Arcul de Triumf” – giovedì 9 giugno

World Rugby Nations Cup, I giornata

Uruguay v Italia Emergenti 24-26 (0-16)

Marcatori: p.t. 9’ m. Menon tr. Azzolini (0-8); 29’ m. Lucchin tr. Azzolini (0-16); s.t. 41’ m. Conforti tr. Azzolini (0-24); 57’ m. Magno tr. Martinez (8-24); 61’ m. Arata tr. Martinez (16-24); 66’ c.p. Azzolini (16-26); 70’ m. Freitas tr. Martinez (24-26)

Uruguay: Favaro; Leivas (59’ M. Secco), Deal, Klappenbach (66’ Freitas), Rocco; Martinez, Arata (62’ Lijtenstein); Lamanna (40’ Nieto), Beer, Gaminara (cap) (51’ Magno); Dotti, Ayala; Sagario (46’ Echeverria), Gattas (54’ I. Secco) Sanguinetti (50’ Kessler)

a disposizione non entrati: Nieto, M. Secco, Lijtenstein, Freitas

all. Menesess

Italia Emergenti: Menniti-Ippolito; Di Giulio, Menon, Lucchin (72’ Pescetto), Susio (51’ Bettin); Azzolini, Marinaro (60’ Bronzini); Giammarioli, Negri, Conforti (cap) (8’-20’ Corazzi); Gerosa (57’ Flammini), Michieletto; Tenga (53’ Di Stefano), Daniele (59’ Luus), Brugnara (40’ Buonfiglio)

a disposizione non entrati: Luus, Buonfiglio, Di Stefano, Corazzi, Bronzini, Pescetto, Bettin, Flammini

all. Orlandi/Dolcetto

arb. Damian Schneider (UAR)

Cartellini: 75’ cartellino giallo a Di Stefano (Italia Emergenti)

Calciatori: Azzolini (Italia Emergenti) 4/4; Martinez (Uruguay) 3/3

Note: pomeriggio soleggiato, campo in buone condizioni.

Italia-Uruguay

 
 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: