Il Veterano del League Matt Sands dice addio alla maglia Azzurra. Ripercorriamo la sua carriera a XIII

 

Matt Sands dice addio al rugby league giocato: una delle icone del movimento del rugby a XIII italiano, infatti, giocherà a Saluzzo la sua ultima partita con la maglia dell’Italia League; ultimo avversario sarà la Spagna. Una lunga carriera quella di Matt, fatta di oltre 30 caps con la maglia dell’Italia e numerose esperienze ovali in giro per il mondo; ricordiamo quella in Australia, il passaggio per Lione in Francia, oltre a quelle fisse in giro per l’Italia del rugby league. 

Di seguito un breve riassunto della sua vita a XIII: 

  • 30 Caps con l’Italia League, una European Shield vinta e le qualificazioni alla Coppa del Mondo nel suo palmares; 
  • Nafit Piazzola XIII, campioni d’Italia;
  • Leoni Veneti XIII – vittoria dello State of Origin da capitano
  • Lyon XIII (Francia), 2° posto nella coppa di Francia;
  • All Saints – Australia, vittoria dell’A Grade Competition;
  • Arieti d’Este XIII. 

Cosa ha rappresentato per te il league?

Il Rugby League per me è stato ed è uno stile di vita. Come tutti sanno il XIII è supportare, sostegno, umiltà, sacrifio e molto lavoro duro; ho iniziato da giovanissimo e alla luce dei miei 30 anni penso che questa disciplina mi abbia aiutato a crescere come persona. 

Come ti sei avvicinato a questa disciplina?

Mi sono avvicinato a questa disciplina grazie a dei miei storici amici sempre del rugby che mi hanno portato ad un memorial Franchini dove ho giocato con 4 squadre diverse lo stesso torneo Itali , Italia A, amici di Simone e Londones Schoolars e da quel momento è stato amore; non ho mancato un evento dal 2006. 

Il ricordo più bello che hai da giocatore?

Direi che da giocatore i ricordi sono tutti fantastici: la mia avventura in Australia con il vecchio caro fabio Nannini, detto il Nanno, tuttavia e una meta contro la Russia al Plebiscito di Padova, la mia città rugbystica natale, penso siano quelli più impressi nella mia memoria; come, del resto, la vittoria dell’European Shield a Praga. 

Come vedi il movimento italiano?

Uno dei motivi perché ho preso questa scelta è per il movimento del League in Italia; siamo cresciuti molto da quando ho iniziato e penso che sia arrivato il momento di lasciare spazio ai giovani. A Beirut ho visto una squadra competitiva, composta da molti atleti con fame di vittoria e di voglia di vincere, ragion per cui ho preso consapevolezza di questa decisione visto che dietro di me c’è tanta gente pronta a subentrare e, spero, con tanta voglia di portare avanti il movimento del League in Ital

Cosa si potrebbe migliorare nel movimento league italiano?

Il nostro campionato è in crescita, credo che i miglioramenti si vedranno in un prossimo futuro, considerando che abbiamo già 4 giocatori che andranno a giocare con delle squadre satellite nel Queensland in Australia.  Con questa esperienza miglioreranno sicuramente e questo farà bene all’intero movimento. 

Il tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto sarebbe stato di giocare il Mondiale, ma credo che sia meglio lasciare spazio a un giovane.

Cosa farai da grande nel league?

Non sparirò dal mondo del league, vorrei iniziare la carriera di tecnico e successivamente puntare a diventare coach della nazionale maggiore!

@davidemacor 

 

Tags: , ,

 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: