L’Under 16 del Cus Torino batte la Pro Recco (22-0) nel barrage

È stata una giornata d’intenso agonismo per il CUS Ad Maiora Rugby 1951, che si è sviluppata fra il centro sportivo Angelo Albonico e lo Stadio Primo Nebiolo.

A Grugliasco l’Under 16 ha disputato il suo barrage d’esordio nel percorso di avvicinamento all’Elite e ha battuto nettamente (22-0) la Pro Recco. Era la prima uscita del nuovo gruppo a disposizione di Nicola Compagnone e Roberto Modonutto, con il supporto di coach Lucas D’Angelo, che hanno dato fiducia fin dal primo minuto a sette ragazzi della classe 2002, provenienti dall’Under 14, e ne hanno inseriti altri cinque nel secondo tempo.

Il duo tecnico ha schierato Tarchiani estremo (26’st Iula), Toniolo e Ponzone (20’ st Genovese) ali, Sardella (17’ st Cravero) e Piunno (21’ st Mazzucco) centri, Vernero apertura, Morea mediano di mischia, Riccardi, Medda e Di Pierro (5’ st Capponi) terze linee, Massaro e Marchiori seconde linee, Roberto e Bava (13’ st Speranza) piloni e Parlanti (26’ st Giusti) tallonatore. I liguri del tecnico Gianluca Cartoni hanno risposto con Balestracci, Contini (1’ st Abuja) e Valentia nel triangolo allargato, Pittaluga e Armijos ai centri, Marchisio ed Edoardo Cartoni in mediana, Giuffrè, Romano e Piazzi in terza linea, Mordacci e Girone in seconda e Sbarbori, Carretti e Collu in prima. In panchina Anselmi. Ha arbitrato Paolo Boni di Torino.

In un clima caldo e afoso, che strizzava l’occhiolino più a luglio che a settembre, i biancoblù hanno subito messo in mostra una grande voglia di giocare e hanno preso possesso della metà campo avversaria. Al 2’ un passaggio all’ala ha smarcato Vernero, che è andato via in slalom e, superata la linea, si è accentrato per schiacciare in mezzo ai pali. Piunno ha colpito in pieno il pallo sulla trasformazione (5-0). Notevole l’efficacia dei padroni di casa in touche e in mischia e con la palla in mano alla ricerca dei compagni. Convincente anche la pressione nelle rare occasioni in cui erano i recchelini ad assumere l’iniziativa. All’8’ Sardella ha dialogato con Tarchiani, che ha saltato un avversario ed è filato in meta (10-0). Massaro al 20’ ha provato a caricare centralmente e ha guadagnato terreno, ma è stato fermato a un metro dalla linea. Al 23’ i cussini non hanno sfruttato una touche ai 5 metri per un “in avanti”. Si è ripreso con una mischia a introduzione della Pro e la squadra di Compagnone e Modonutto si è guadagnata una punizione, battuta subito con palla a Juan Cruz Marchiori, figlio di Roberto, allenatore dell’Under 18 e vice di D’Angelo in prima squadra, che ha festeggiato la sua prima partita in Italia con una bella meta di sfondamento. Vernero ha centrato i pali per il 17-0 di fine primo tempo.

Il secondo si è aperto al 3’ con un intercetto di Morea, che ha calciato due volte a seguire e, al momento di controllare con le mani l’ovale, l’ha perso “in avanti” prima di schiacciarlo oltre la linea. Il Recco gradualmente ha preso coraggio e ha disputato il suo migliore spezzone di partita. Pittaluga è stato protagonista di uno scatto bruciante, bloccato da un tempestivo placcaggio di Tarchiani. Gli ospiti hanno insistito, ma non sono mai riusciti e mettere in seria difficoltà la difesa locale. Il valzer dei cambi ha garantito maggiore freschezza all’Ad Maiora, che al 24’ ha trovato la quarta meta: touche ai 15 metri e sulla rimessa palla nelle mani di Medda, con conseguente maul e realizzazione di Speranza (22-0). Ora il CUS aspetta il nome dell’avversario del prossimo barrage. Sul fronte giovanile oggi è stato anche il giorno dell’ingresso nell’Accademia Under 18 di Torino dei due cussini Francesco Bellazzo e Guilherme Brum Dutra.

rugby-cus-torino1

 

Tags: , , ,

 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: