Rugby Perugia corsaro a Roma: Cus battuto 21 – 25

Primavera Roma – Barton Cus Perugia 21-25 (16-8 dpt)
Primavera: Condemi, Riitano, D’Angelo, Giulio (1’st D’Ottavio), Ventola, Bonavolontà, Callori di Vignale, Gabbuti, Lamaro, Corcos, Custureri, Cavallini (1’st Di Martino), Carlesimo (10’st Di Resta), Perissa (16’st Marchegiani), Sbarigia (18’st Urbanetti). A disp: Gasperini, Risi E., Stringara.
Barton Cus Perugia: Magi, Corbucci, Sportolari, Giorgini, Vizioli, Masilla, Gioè, Ferraris, Lamanna Miranda, Lamanna N. (28’pt Franzoni), Renetti (14’st Bellezza), Bettucci (38’st Pettirossi), Biondi, Fagnani, Di Vito. A disp: Alunni Cardinali, Tesorini, Morabito, Quagliarini, Bigarini. All: Speziali
Arbitro: Meneghini
Marcatori – Pr 4’ cp Masilla (0-3), 8’ cp Riitano (3-3), 11’ m Ventola, tr Riitano (10-3), 19’cp Riitano (13-3), 30’ cp Riitano (16-3), 36’ m Magi (16-8). St: 2’cp Masilla (16-11), 19′ m tecnica tr Masilla (16-18), 30′ m Riitano (21-18), 37′ m Sportolari, tr Masilla (21-25).
Man of the Match: Lamanna Miranda (Barton).

ROMA – La Barton Cus Perugia è tornata a vincere. Lo ha fatto in uno dei campi più ostici del girone playout del campionato nazionale di rugby maschile di serie A. Domenica pomeriggio a Roma i biancorossi si sono imposti sulla Primavera con il punteggio di 25-21. È stata una vittoria conquistata con il cuore. Il primo tempo è stato molto tirato e ha visto la mischia perugina superiore, talmente tanto che gli avversari sono stati costretti a chiedere la “mischia no contest” (viene decretata quando una delle due squadre non è in grado di formare una prima linea di giocatori specificamente allenati per i ruoli di pilone e tallonatore. Praticamente chi introduce la palla vince di diritto, in quanto c’è il divieto assoluto di spinta e di contestazione dell’introduzione). Nel secondo la Barton ha giocato molto nella parte della metà campo della Primavera E Ha saputo tenere la giusta concentrazione fino alla fine. Da segnalare l’esordio in serie A di Matteo Pettirossi.
A fine partita il capitano Giovanni Magi afferma soddisfatto: “I primi 20′ sono stati un po’ sofferti poi abbiamo tirato fuori il cuore. La mischia è andata molto bene, addirittura hanno chiesto la ‘mischia no contest’ perché noi eravamo nettamente superiori. Fino all’ultimo respiro è stata combattuta. Durante gli ultimi minuti siamo passati avanti noi con il punteggio, poi lo hanno fatto loro ed alla fine abbiamo segnato noi la meta decisiva. Fino all’ultimo secondo stata una battaglia ma ce l’abbiamo fatta. Ora ci aspettano altre due ‘finali’: domenica prossima a Milano e tra due a Genova. Intanto pensiamo a Milano, dobbiamo continuare ad essere concentrati e carichi. Dobbiamo pensare solo a vincere”.
Anche l’uruguaiano Franco Lamanna Miranda, tra i protagonisti della partita, dichiara: “Io penso che abbiamo giocato bene. I primi minuti dei due tempi abbiamo visto cosa dovevamo fare, abbiamo aspettato ed avuto pazienza e poi abbiamo fatto un buon lavoro con gli avanti, abbiamo portato la palla avanti e per i trequarti era più facile giocare. La partita è stata vinta con la pazienza ed il lavoro degli avanti”.
Parole di soddisfazione sono state espresse anche da coach Alessandro Speziali che dice: “I ragazzi sono stati tranquilli e determinati, non sono stati agitati o avuto cali di concentrazione. Hanno tenuto bene. Hanno fatto quello che ci è mancato tutto l’anno”.
“Questi ragazzi hanno dimostrato di avere coraggio ed orgoglio. Complimenti a Speziali”, afferma infine anche il presidente Alessio Fioroni.
La corsa per la salvezza è ancora aperta. Domenica prossima il Perugia ospiterà a Pian di Massiano il Milano. Due sono i punti che separano le due squadre in classifica.
Gli altri risultati: Cus Roma – Milano 20-27, Cus Genova – Prato Sesto 13-27.
Classifica: Cus Genova 26 punti, Prato Sesto 20, Primavera 19, Milano 17, Barton Cus Perugia 15, Cus Roma 14.

unnamed-162

 
 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: