Conosciamo meglio il Leinster, prossimo avversario delle Zebre

Scontato il turno di pausa pasquale in campionato celtico, si riprende a giocare sui campi del Guinness PRO14. Sabato 7 Aprile alle 15:00 (ora italiana), le Zebre saranno infatti attese alla RDS Arena di Dublino dal Leinster, leader della Conference B.

L’incontro sarà prodotto dalla tv irlandese TG4 e sarà disponibile in streaming su Eurosport player (https://it.eurosportplayer.com/schedule).

E’ un pessimo momento per affrontare gli Irlandesi del Leinster, primi nel rispettivo girone a quota 64 punti e in piena corsa verso i playoff stagionali. Una sola vittoria separa infatti Sexton e compagni dalla qualificazione aritmetica alle semifinali di Guinness PRO14. Con gli Scarlets che inseguono a 3 lunghezze di distanza in classifica, andare a punti con le Zebre, sistematicamente sconfitte nei 10 precedenti disputati sino ad ora, significherebbe per i neroblu blindare un primo posto nella Conference B, attualmente valevole per il primo incontro di post season giocato di fronte al proprio pubblico.

I bianconeri dal canto loro sono reduci da una pesante sconfitta patita in casa dei Glasgow Warriors lo scorso 23 Marzo. A 25 punti da un sempre più remoto quarto posto nella Conference A, il quale garantirebbe la qualificazione alla Champions Cup 2018/2019, e a quattro partite dal termine della stagione, la squadra di Michael Bradley aspira comunque a chiudere al meglio la propria avventura nell’edizione attuale di Guinness PRO14, andando a strappare uno storico e mai raggiunto quinto successo in campionato celtico.

Il cammino in Guinness PRO14 ed in EPCR Champions Cup

Tredici vittorie, quattro sconfitte ed un pareggio: il percorso stagionale del Leinster in Guinness PRO14 è quasi diametralmente speculare rispetto a quello delle Zebre. I 64 punti detenuti nella Conference B testimoniano la solidità degli Irlandesi orientali, avversari quanto mai ostici nelle loro gare casalinghe. Di fronte al proprio pubblico, infatti, il Leinster non perde dalla semifinale di campionato celtico della stagione precedente, concessa agli Scarlets per 15 a 27.

Sette successi in sette incontri stagionali, l’ultimo dei quali ottenuto domenica scorsa nello scontro dei quarti di finale contro i Saracens, comprovano la piena cittadinanza rugbistica del Leinster in Champions Cup, competizione alla quale i neroblu partecipano ininterrottamente di anno in anno sin dalla sua inaugurazione nel 1995 sotto il nome di Heineken Cup. Il prossimo appuntamento in coppa per gli Irlandesi di Dublino è programmato per sabato 21 Aprile all’Aviva Stadium contro gli Scarlets, nel match avente il palio il biglietto per la finale di Champions Cup 2017/2018.

L’ultimo precedente

Questo sabato Zebre e Leinster si ritroveranno da avversari per la prima volta nella stagione corrente. L’ultimo precedente tra le due squadre risale infatti ad oltre un anno fa: era il 6 Gennaio 2017, occasione in cui i neroblu ospitarono i ducali alla RDS Arena, nella gara della 13° giornata di Guinness PRO12. L’esito della gara ha decretato un impietoso 70 a 6 inflitto agli ospiti, a punti solamente grazie ai due piazzati di Edoardo Padovani al 14’ e al 24’.

I giocatori chiave

Nel match dalle 10 mete, tre delle quali segnate da O’Loughlin e sei convertite da Sexton, la nomina di “man of the match” è ricaduta sul n° 13 Garry Ringrose, autore egli stesso di due marcature.

Le soddisfazioni per Ringrose, debuttato qualche tempo prima con la Nazionale maggiore nei test match del Novembre 2015, non si esaurirono nella partita contro le Zebre. A circa un mese di distanza, infatti, il secondo centro irlandese lascerà il segno in tutti i cinque gli incontri disputati con l’Irlanda nel Sei Nazioni 2017. Esplose allora il “caso Ringrose”, il quale attirò per la giovane stella paragoni importanti, uno su tutti: quello con l’icona del rugby irlandese Brian O’Driscoll.

Ultimi cinque precedenti

20/02/2015, Guinness PRO12: Leinster v Zebre: 29-8

12/02/2016, Guinness PRO12: Leinster v Zebre: 52-0

28/02/2016, Guinness PRO12: Zebre v Leinster: 10-27

5/11/2016, Guinness PRO12: Zebre v Leinster: 10-33

6/01/2017, Guinness PRO12: Leinster v Zebre: 70-6

 


La storia del Leinster

Il Leinster non ha certo bisogno di troppe presentazioni. La franchigia rappresentativa dell’omonima provincia irlandese vanta ben 139 anni di storia, nonostante alcuni embrionali esperimenti societari erano già in grembo nel 1875, anno in cui si disputò il primo derby interprovinciale contro l’Ulster Rugby. Ciononostante, gli annali riportano come data ufficiale di fondazione del club il 31 Ottobre 1879 e come luogo: il civico 63 di Grafton Street, nella fattispecie un negozio di abbigliamento sportivo situato nel cuore di Dublino e conosciuto come “John Lawrence’s Rooms”, sede di un incontro tra le allora società di Wanderers, Lansdowne, Arlington School, Dublin University, Dundalk, Phoenix F.C. e Stephen’s Hospital; esito del meeting fu la decisione di unirsi sotto il nome Leinster Rugby e sotto l’effige della celebre arpa celtica. Con l’inaugurazione, nel medesimo anno, delle selezioni rugbistiche delle provincie di Munster ed Ulster e, nel 1885, anche di quella meno datata del Connacht Rugby, le quattro squadre, tuttora in vita, poterono così prendere parte al campionato interprovinciale di rugby. Con l’avvento dell’era professionistica del rugby nel 1995 e la conseguente inaugurazione dell’Heineken Cup, il Leinster ha continuativamente partecipato alla più prestigiosa coppa europea per club, sollevando il trofeo nel 2009, nel 2011 e nel 2012, vincendo anche la Challenge Cup nel 2013, dopo essere stato ammesso direttamente ai quarti di finale in qualità di terza miglior seconda nella fase a gironi dell’edizione di Heineken Cup della medesima stagione. Ornano la bacheca dei trofei internazionali della squadra con sede a Dublino anche quattro titoli di campionato celtico (vinto nel 2002, 2008, 2013 e 2014) e due British & Irish Cup (2013 e 2014). Il Leinster, inoltre, è tradizionalmente la franchigia irlandese più di tutte rappresentata in Nazionale maggiore. Nell’edizione appena conclusasi di Sei Nazioni, infatti, ben diciassette giocatori dei trentotto complessivamente convocati nel corso dei cinque incontri del torneo provenivano dal club neroblu. La casa rugbistica della “senior squad” del Leinster è stata fino al 2006 il Donnybrook Stadium, accantonato in favore della RDS Arena, la quale, forte dei suoi circa 17 000 posti disponibili, garantisce una maggiore affluenza di pubblico negli incontri casalinghi degli Irlandesi orientali. Il club neroblu, inoltre, è solito disputare le proprie gare chiave di Champions Cup e i derby contro i rivali nazionali di Guinness PRO14 all’Aviva Stadium.

 

Tags: , , ,

 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: