Draghi, il ritorno di Liberati e Monicchi dopo l’esperienza a Rieti

Due rientri importanti per il rugby ternano. Sono quelli di Andrea Monicchi e Federico Liberati che tornano nella Conca dopo l’esperienza in Serie B a Rieti. I due giocatori hanno già effettuato le visite mediche e sono pronti a tuffarsi nella nuova avventura per la gioia del patron Alessandro Betti: “Abbiamo effettuato degli esami clinici approfonditi per questi nostri due gioielli, cresciuti nel Terni Rugby e che come nella parabola del figliol prodigo hanno deciso di tornare a casa per dare il loro contributo. Quando due giocatori lasciano la propria società di appartenenza per andare a giocare fuori, come successo ad Andrea e a Federico, c’è sempre un po’ di timore ma dopo aver verificato il loro stato di salute e l’assenza di traumi posso dire che si metteranno a lavoro per la prossima stagione. Fuori da Terni gli standard qualititativi non sono come quelli che perseguiamo, ma l’importante è che i ragazzi siano tornati anche perchè la prossima stagione sarà ricca di novità”. Raggiante il patron che parla già di novità e felici i due giocatori. Il pilone Federico Liberati sarà chiamato a spingere il pacchetto di mischia: “Ho deciso di tornare perchè il progetto è interessante, ci sono buoni margini per far crescere la squadra e la società per un ritorno in Serie B. Vedo massimo impegno da parte di tutti e i lavori di ristrutturazione che sono in corso al campo di via del Cardellino lo dimostrano. L’obiettivo è tornare in Serie B con una squadra competitiva che sia in grado di rimanerci. Mi sento bene dopo l’infortunio al ginocchio di due anni fa”. Sulla trequarti la forza devastante di Andrea Monicchi: “Mi ha convinto la scelta della società di creare un team di giocatori e uno staff tecnico di alto livello con grandi prospettive di crescita. Ho perfettamente recuperato dopo il secondo intervento al ginocchio grazie anche ad un duro allenamento al quale mi sono sottoposto. I miei obiettivi sono esattamente gli stessi del club, ovvero fare una buona stagione puntando alla promozione come nelle piene possibilità della squadra”. Le novità a cui accenna Betti e su cui è al lavoro la società in questi giorni riguardano la possibilità di creare una realtà in grado di abbracciare anche le vicine esperienze rugbistiche intorno il sud dell’Umbria. Unire le forze allargando il bacino territoriale per creare una squadra e un movimento in grado di reggere l’urto con le più solide realtà del panorama rugbistico nazionale.

 

Tags: , , , , ,

 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: