Livorno va ad Arezzo

Il Livorno Rugby deve sforzarsi di guardare il meno possibile la classifica. I biancoverdi devono vivere alla giornata, soddisfatti di quanto combinato finora, ma non devono perdere quella voglia e quell’entusiasmo che hanno permesso loro di ‘bruciare le tappe’ e volare nelle altissime sfere della graduatoria. E’ importante scendere in campo contro chiunque (contro la prima della classe così come contro l’ultima) con il massimo della concentrazione e dell’umiltà. La squadra labronica, anche in queste quattro settimane di stop agonistico, osservato in omaggio alle festività di fine anno, si sono allenati con la giusta dose di intensità. Nel corso di tali sedute, si è infortunato, ad un polso, il giovane terza linea Giorgio Gragnani, uno degli avanti più preziosi e continui – in senso assoluto – del girone 2 di serie B. Oltre a Gragnani, nella gara di questa domenica, sul terreno ‘Arrigucci’, contro la locale squadra del Vasari Arezzo (calcio d’inizio alle 14,30, arbitro Domenico Gargiulo di Napoli), l’allenatore del Livorno Rugby Marco Zaccagna dovrà fare a meno, sui trequarti, dei lungodegenti Reitsma e Scapaticci e, in prima linea, del pilone Bufalini (che salterà pure il match interno del 21 gennaio, contro il Civitavecchia, per tornare a disposizione nell’impegno successivo, il 28, nella prima di ritorno, nella gara casalinga con i Medicei Firenze cadetti). Il Vasari è ultimo in graduatoria, con 7 punti. Il penultimo gradino della classifica, a quota 10, è occupato dal Florentia. Più avanti, appaiate in terz’ultima posizione, si trovano Modena e Civitavecchia (a proposito: i laziali, con l’oblazione prevista di mille euro si sono visti annullare la penalizzazione di 4 punti ed hanno così allontanato la zona bollente). Gli aretini, sfruttando il loro ‘classico’ gioco, basato più sulla potenza che sull’agilità, hanno i mezzi per risalire la china. In questa annata, peraltro, solo una delle 48 squadre globalmente impegnate nei quattro gironi della B retrocederà in C1. Le quattro ultime, al termine della regular season, disputeranno una mini serie di spareggi, che determineranno la formazione costretta a scendere di categoria. Insomma, sul campo amico (un terreno dalle dimensioni piuttosto ridotte), il Vasari si presenterà, contro il Livorno Rugby, con feroci motivazioni. Nelle prime nove giornate, la compagine aretina ha ottenuto solo una vittoria, in trasferta (13-15) a Cesena contro il Romagna. I due punti ottenuti tra le mura amiche (dove finora ha sempre perso) sono frutto di altrettanti bonus-difesa. Il Livorno Rugby, proveniente da sette successi di fila e secondo in graduatoria, cercherà di sfruttare ancora una volta le proprie doti tecniche e la forza di un pacchetto in costante crescita. In questo primo turno del 2018, la capolista Pesaro ospiterà il Florentia. Interessanti le due sfide tra le altre quattro squadre in lotta per un posto al sole: in programma I Medicei Firenze cadetti – Bologna ed il derby Parma’31 – Amatori Parma. Questa la situazione nella parta alta della classifica: Pesaro 39 p.; Livorno 35; Bologna e Amatori Parma 31; I Medicei Firenze cadetti 29; Parma’31 24. Al termine della regular season, la prima salirà direttamente in A, mentre la seconda giocherà, con le seconde degli altri tre gironi, gli spareggi playoff. Il Livorno Rugby deve concentrarsi solo su sè stesso, senza effettuare proiezioni, nè calcoli. Finora i labronici hanno giocato ad alti livelli sia in casa, sia in trasferta. Per dovere di cronaca, segnaliamo che, nel girone di ritorno, Bertini e compagni ospiteranno, tra le dirette concorrenti della zona nobile della classifica, I Medicei cadetti e Bologna e renderanno visita a Pesaro, Amatori Parma e Parma’31. Comincia, a livello agonistico, un 2018 da vivere e gustare attimo dopo attimo. 

 

Tags: , ,

 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: