Torneo Filippo Cantoni: il resoconto del Valnure Lyons

Torneo Filippo Cantoni

Valnure Lyons – Aberdare (Galles) 10-5    – mete 2-1 – mete Lyons: Profiti e Di Masi – trasf.(drop) Villa 0/2

Valnure Lyons – Valpolicella 10-0 –  mete 2-0 – mete Lyons: Profiti e Di Masi – trasf.(drop) Villa 0/2

Semifinale Valnure Lyons – Colorno 0-0  (Spareggio ai calci – Valnure Lyons-Colorno 1-2)

Finale 3° posto Valnure Lyons – Shawnigan Lake School (Canada) 19-7 –  mete 3-1 – mete Lyons: Cuminetti, Di Masi, Perazzoli – trasf. (drop) Villa 2/3

Valnure Lyons: Amir Ali, Azzini, Bart Cobbah, Bonatti, Bonetti, Bosoni, Buratti, Buzzetti, Calandroni, Cirillo, Coscia, Cuminetti, Di Masi, Dimoski, Espinoza, Fenucci, Malta, Maserati, Monzani, Nakov, Oppizzi, Perazzoli, Profiti, Teruggi, Villa, Zanasi.

All.: Bergamaschi, Parmigiani, Zaini

“Non è (certo) da questi dettagli che si giudica un giocatore”

Partiamo da qui, dalla semifinale persa ai piazzati, con i padroni di casa del Colorno, che volevano fortissimamente vincere il torneo da loro organizzato in memoria di Filippo Cantoni, enfant di pays, perito tragicamente in un incidente stradale alcuni anni fa, per raccontare la bella avventura della nostra U16.

La semifinale termina 0-0, dopo 20′ accesi e combattuti, che vedono i nostri tenere un possesso palla schiacciante.Si va vicini al bersaglio grosso almeno due nitide volte, ma non basta, e allora da regolamento, si procede con i calci piazzati.

Il nostro Giulio, si carica tutta la responsabilità sulle spalle dei suoi 15 anni e va: la prima serie termina 1-1, con un pizzico di recriminazione, per il secondo calcio uscito di un soffio.

Si continua ad oltranza, il 4° calcio da metà campo è nullo per entrambi, poi il 5° decide le sorti dell’ incontro: quello del rosso di casa centra i pali, il nostro no.

Calde lacrime scendono dal viso del nostro leone, coi compagni che gli si stringono intorno per consolarlo.

L’amarezza viene un po’ mitigata dalla conquista del terzo posto assoluto, contro la squadra canadese che ha stupito tutti per la strabiliante forma fisica ed atletica dei suoi componenti.

A conti fatti, nonostante il tempo inclemente per tutta la mattina, una bellissima esperienza “di livello”, per i nostri ragazzi, visto che al torneo erano presenti una squadra inglese (risultata poi vincente), una gallese, una canadese e rappresentative da tutto lo stivale sino a Napoli.

Come si può vedere dal tabellino gare, un percorso quasi netto per i nostri colori con solo due mete subite.

Ci riproveremo sicuramente l’anno prossimo, e quei pali, Giulio, saranno molto più vicini!

 
 

Autore

Altri post di

 

Commenta su Facebook


 

Commenta sul blog

obbligatorio

obbligatorio

optional


 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: